Pagine

lunedì 18 giugno 2012

Gianni Molaro- Apre a piazza di Spagna l'atelier dell'artista più irriverente

"La moda è la maschera innumerevole della vita."
  (Francis de Miomandre, La moda, 1926)
Gianni Molaro, couturier già apprezzato alle sfilate dell'Haute Couture romana, ha inaugurato a Roma, nella prestigiosa cornice di Piazza di Spagna, il suo nuovo atelier.

Lo stilista partenopeo si è, ancora una volta, confermato un estroso ed irriverente talento, non tradendo il proprio stile, anche nella serata di inaugurazione del suo atelier romano.
Sensibile, all'avanguardia, ironico, eccentrico... questi sono solo alcuni degli aggettivi che rappresentano al meglio il talento di Molaro.
Creatore, anni fa, della prima linea di abiti da sposa pensati appositamente per matrimoni gay e lesbo, Molaro unisce nella sua persona una vena poetica che coglie la contemporaneità nei suoi aspetti più profondi, e uno spiccato senso dello humour.
Dopo essersi distinto, ancora una volta, durante le ultime sfilate di Altaroma, lo scorso gennaio, nell'ambito delle quali presentò una collezione di forte impatto scenografico e di non meno forte contenuto, rappresentando le diverse sfaccettature della crisi, Molaro ha inaugurato, lo scorso 11 giugno, il suo nuovo atelier, in pieno centro.
Ecco spose come meringhe, puerili ed innocenti, o in total red aggressivo con sfumature fetish, all'insegna dell'ironia.
L'arte di Gianni Molaro trova nell'alta moda la sua somma realizzazione, benché non l'unica: l'estro dello stilista è, infatti, altrettanto visibile nelle sue creazioni artistiche, come i dipinti olio su tela o le sculture. Un talento a 360 gradi, insomma, i cui abiti sono vere e proprie creazioni artistiche, che ogni donna vorrebbe avere il privilegio di poter indossare.
Unico ed inimitabile, Molaro spicca nel panorama italiano come una personalità estremamente versatile, eclettica. Sempre curioso osservatore della realtà, Molaro artista colpisce, affascina, fa riflettere. Allo stesso modo il couturier ridona dignità all'abito da sposa, che smitizza e rende moderno, giocoso, sexy.
Nell'Alta Moda lo stilista impressiona, e con gli effetti altamente scenografici e suggestivi che contraddistinguono ogni sua sfilata, e con le mirabili creazioni che non smette di sfornare.

Due uscite della collezione P/E 2012, dedicata al tema della crisi, che ha sfilato ad Altaroma lo scorso gennaio
Un ritratto dello stilista tra i suoi abiti da sposa
Presentazione dei modelli all'interno dell'atelier
Alcuni momenti della sfilata a Piazza di Spagna
Due immagini che ritraggono lo stilista tra le sue modelle

Un parterre d'eccezione ha battezzato il nuovo atelier di Molaro. Spiccano, tra i nomi, Marina Ripa di Meana, Ramona Badescu, Flavia Vento, Amanda Lear.
Tanti i nomi del jetset capitolino, tra i quali spicca l'eleganza di Valeria Mangani, vicepresidente di Altaroma.
Un talento che si riconferma tale, quello di Molaro, anche durante il battesimo della sua ultima creatura, il nuovo atelier capitolino. Non solo abiti da sposa e d'alta moda, ma crocevia di talenti, come i tanti artisti che si professano accaniti fans dello stilista partenopeo. Un artista che ha molto, molto da dire.
                                                            
"L'artista è un'eccezione: il suo ozio è un lavoro, e il suo lavoro un riposo: è sia elegante che trascurato; indossa, per scelta, la blusa da contadino e impone il frac indossato dall'uomo alla moda; non subisce le leggi: le detta."
(Honoré de Balzac, Trattato della vita elegante, 1830)



©Foto dell'evento Michela De Nicola



Nessun commento:

Posta un commento